Link rapidi

Atm e City Angels insieme: riparte “La Casa degli Angeli” 

Il bus realizzato dalle officine Atm tutte le sere porta cibo, bevande e coperte ai senzatetto

Milano, 4 novembre 2011

Trecento pasti e bevande calde, 250 indumenti e coperte distribuiti ogni sera, per una media di 250 interventi quotidiani, tra ristoro, aiuto psicologico e assistenza sanitaria per quattro mesi di servizio. I numeri registrati lo scorso inverno dalla “Casa degli Angeli”, il servizio bus per i senzatetto milanesi, dimostrano l’importante successo dell’iniziativa sociale nata dalla collaborazione fra ATM e l’Associazione City Angels.
Dopo la pausa estiva, è ripartita questa settimana la “casa viaggiante” per le strade di Milano, per raggiungere chi ha bisogno e portare assistenza. Diventata ormai punto di riferimento per molte persone disagiate, grazie anche alle sue dimensioni e alla sua personalizzazione, la “Casa degli Angeli” è un bus da 18 metri completamente ristrutturato dalle officine Atm, internamente riscaldato e dotato di una zona ristoro, una zona per dormire, un’area di pronto soccorso e servizi igienici.
Ad accompagnare nelle notti i senzatetto, a bordo del bus ci sono sempre gli angeli, un gruppo di volontari dei City Angels, esperti nel fornire assistenza a chi vive per strada. Alla guida si alternano i due conducenti di Atm specializzati nel servizio notturno.  Il servizio, attivo dal lunedì al venerdì dalle 21 alle 24, proseguirà fino al 31 marzo, lungo un percorso individuato in modo da toccare i punti della città dove è più necessario prestare assistenza. Nel dettaglio: lunedì, corso Europa; martedì, stazione  Greco; mercoledì, stazione Lambrate, viale Liberazione, Corso Europa; giovedì,  corso Europa; venerdì, stazione Cadorna.

I link seguenti verranno aperti in una nuova pagina
  • Segnala su:
  • Facebook
  • Segnalo
  • Salva su diggita.it
  • Segnala su OK Notizie
  • Segnala su Wikio
  • Salva su Delicious
  • Digg
  • Salva su Technorati
  • Google Bookmarks
  • Windows Live
  • Invia a un amicoInvia a un amico
  • StampaStampa